Pubblicato in: Cultura

MEDAGLIA D’ARGENTO PER IL MEDI ALLE OLIMPIADI NAZIONALI DEL PATRIMONIO

Il Medi è sul podio ancora una volta. Quest’anno, l’occasione per portare a casa un sudatissimo secondo posto si è presentata alle Olimpiadi del Patrimonio, giunte alla loro tredicesima edizione. Le tre studentesse del team del nostro liceo, Alison Marzi (5BLi), Alexandra Bastari (4ALi) e Asia Ventura (4ALi), si sono misurate con un lungo lavoro iniziato a dicembre con le selezioni di istituto, proseguito a febbraio con quelle regionali e conclusosi nella mattinata di martedì 8 maggio con la finale nazionale svoltasi presso il Liceo Ennio Quirino Visconti di Roma.

Il progetto, supportato dall’Anisa (Associazione Nazionale Insegnanti Storia dell’Arte) promuove lo studio di tutte le discipline artistiche e la tutela del nostro patrimonio e vede una giuria composta dalle più illustri esperte d’arte, tra cui rappresentanti del MiBACT, della Galleria Borghese e dei Musei Vaticani.  Il percorso, intitolato ‘Assenti presenti’, non avrebbe conosciuto il suo successo senza però la guida dei docenti di storia dell’arte Patrizia Burattini e Marcello Mengucci e il prezioso aiuto tecnico di Mattia Russo (4BSA).
Medi2

L’obiettivo delle tre studentesse è stato quello di scoprire in che modo sia possibile stimolare la sensibilità alla legalità e dove si collocano le opere d’arte in relazione all’identità di un popolo. Per farlo, hanno raccolto interviste -tra cui al direttore della Galleria Nazionale delle Marche Peter Aufreiter e al Maggiore Carmelo Grasso Comandante del Nucleo Carabinieri Tutela Patrimonio Artistico di Ancona- e viaggiato attraverso i luoghi simbolo dei tre più eclatanti furti avvenuti nelle Marche, nel Palazzo Ducale Urbino, il 6 febbraio del 1975: la Muta di Raffaello, la Flagellazione e la Madonna di Senigallia di Piero della Francesca. Emblemi della nostra cultura fortunatamente recuperati l’anno successivo, ma che ci danno modo di tornare a riflettere sul significato della salvaguardia del nostro patrimonio artistico, che deve passare per tre fasi: conoscenza, esperienza e infine tutela.

Medi

<<È solamente attraverso la conoscenza dell’arte che ci si abitua a collocarla al di fuori dei riduttivi confini dei libri scolastici, a darle un volto e un nome>> – spiega il nostro team di ragazze. Le tre vincitrici si dicono inoltre soddisfatte. <<Il nostro percorso ci ha permesso di affacciarci ancora di più sul mondo della tutela del nostro patrimonio, un mondo talmente vasto che non può essere sufficientemente approfondito nelle due ore settimanali curricolari >>.

A. Bastari, 4ALi

 

Annunci